Rassegna stampa

 

19/09/2008

IL GIORNO

"RIDAREMO LA MANO A UN NEONATO"–RIVOLUZIONE ITALIANA NEI TRAPIANTI



MILANO – La chirurgia sarà in grado presto di curare creature venute al mondo con gravi malformazioni agli arti intferiori.

Parola di Marco Lanzetta, il pioniere della chirurgia che dieci anni fa a Lione faceva parte dell’èquipe che eseguì il primo trapianto di mano al mondo e che due anni dopo fece il primo intervento di questo genere in Italia, all’Ospedale San Gerardo di Monza.

Lanzetta si è detto pronto ad affrontare questa tecnica ormai perfezionata operando anche i bambini nati senza mano, una novità che non ha precedenti al mondo, anche se non ha fissato alcuna data in calendario. E in prospettiva, come già avviene per la chirurgia cardiaca e addominale, non esclude di arrivare a operare in utero durante il periodo di gestazione, per ottenere risultati ancora più eclatanti. La mente corre ai piccoli portatori di altre malformazioni congenite come disgenesie ossee che si presentano alla stregua di mutilazioni.

Dal 23 Settembre 1998, quando a Lione fu introdotta per la prima volta la tecnica del trapianto di mano, sono stati operati in tutto il mondo 33 pazienti, per un totale di 43 trapianti di mano e 2 di dita. Lanzetta a Monza oggi dirige l’Istituto Italiano di Chirurgia della Mano: “In questo settore –afferma- sono stati fatti passi da gigante a livello internazionale, dalla Cina all’Australia, dal Canada agli Usa, e i controlli dei soggetti operati hanno anche permesso di verificare a distanza di anni l’efficacia di questo tipo di intervento”.

Tutti i pazienti stanno bene (a parte il primo che dopo varie vicissitudini ha chiesto che gli venisse rimosso l’arto trapiantato) e hanno recuperato una buona sensibilità e funzionalità della mano trapiantata. Lo conferma Domenico D’Amico, 39 anni, il paziente di Lanzetta cui fu trapiantata una mano sei anni or sono: “Sono magazziniere in una ditta vicino a Reggio Emilia –dice- e uso entrambe le mani per lavorare. C’è voluto del tempo, ma ora sono in forma come prima”.

DOVE SIAMO

Telefono: +39 039 324 306
E-Mail: fisioterapia@iicm.it
Indirizzo: Vicolo Scuole 5 - Monza - IT